mail@simonepazzano.com

Estate di San Martino, 7 idee per i tuoi viaggi autunnali

Estate di San Martino, 7 idee per i tuoi viaggi autunnali

C’è una stagione speciale che, dopo i primi freddi, porta giornate tiepide e tinge i boschi di colori caldi come il giallo, l’arancio e il rosso. È la cosidetta Estate di san Martino o Indian Summer, che dona agli occhi e al cuore momenti emozionanti grazie al foliage della natura e alle esperienze ad hoc per ammirarla, pensate da hotel e consorzi turistici.

Ecco 7 idee per godere di questo momento dell’anno.

Nei boschi dell’Umbria si caccia il tartufo

Castello di Petroia

A una manciata di chilometri da Gubbio (PG), sorge il millenario Castello di Petroia, incorniciato da infinite distese di lecci, cerri e querce. Per una speciale full immersione in questo mondo naturale dai toni intensi, il castello ha ideato una esclusiva caccia al tartufo. Cesare, il fattore del Castello, con l’aiuto insostituibile di Stella, una splendida Kurzhaar, guida i cercatori lungo i sentieri alla scoperta delle tartufaie nascoste nella vegetazione attorno alla collina su cui si erge l’antica fortezza. Una volta raccolto il profumato tartufo, viene consegnato nelle mani dello Chef del castello, per gustose e pregiate ricette per la cena. Dal 2 ottobre al 22 dicembre 2020, il prezzo per 2 ore di caccia al tartufo nelle valli del Castello più una cena completa di 4 portate a base di tartufo e vini Doc dell’Umbria è di 80 euro a persona. Prezzi per il soggiorno a partire da 120 euro per camera a notte con prima colazione.

Leggi anche:
Marche, itinerario nelle terre del tartufo

In cammino nel foliage dell’Appennino Parmense

INC Hotels Group - Autunno al Lago Santo (PR) - Credit Cesare Goggioli (1)

I boschi di faggio, abete e cerro dipingono l’Appennino Tosco-Emiliano che in autunno si colora come una tavolozza dalle mille sfumature, dal giallo acceso al rosso porpora, dal verde scuro all’arancione. In questo mondo multicolore è la stagione delle escursioni. L’ambiente ideale per passeggiare tra foreste ricche di biodiversità e per stupirsi davanti allo spettacolo creato dagli alberi attraversati dai sentieri, in un luogo proclamato Riserva UNESCO Man and Biosphere, per aver conservato un perfetto equilibrio tra uomo e natura.

Alcuni degli itinerari più affascinanti partono da Parma, dove gli alberghi INC Hotels Group, che riservano sconti per gli escursionisti, sono posizionati in luoghi strategici per godere del foliage autunnale. Uno dei luoghi più suggestivi è il Lago Santo Parmense. Da Parma si seguono le indicazioni per Langhirano e poi per Corniglio ed infine quelle per Lagdei (1250 m) fino alla località Cancelli dove c’è un ampio parcheggio e dove inizia la strada sterrata per Lagdei imboccando il sentiero 723B, che sale nella soprastante faggeta in cui ci sono le piazzole utilizzate fino alla metà del xx secolo dai carbonai per produrre carbone vegetale. Si prosegue nel bosco fino ai piedi della cresta del Monte Sterpara, per poi seguire le indicazioni per il Lago Santo a 1520 metri di altitudine. Una volta raggiunto, dopo circa 45 minuti di cammino, si può continuare a camminare lungo la sponda settentrionale del Lago per seguire l’andamento della morena glaciale. Ora è ricoperta dai faggi, ma rimane una delle più significative tracce dell’ antico passato glaciale dell’ Appennino Parmense. Lo specchio d’acqua è il più grande bacino naturale dell’ Appennino settentrionale e uno dei più profondi: supera infatti i 22 metri.

A pochi minuti dalla morena del Lago Santo, si può raggiungere l’antico Rifugio Mariotti, rifugio del Club Alpino Italiano di Parma eretto nel 1882. Da qui si snoda il sentiero 723 per la sella e la cima del Monte Marmagna (1852 m) da cui si può ammirare il golfo di La Spezia e il crinale parmense che divide l’Emilia dalla Toscana.

Leggi anche:
Trekking in Emilia, itinerari per chi ama i laghi

Natura e Bosco sulle Dolomiti

val d'ega
.

La Val d’Ega (BZ) in autunno sorprende e affascina con gli spettacolari colori dei boschi delle Dolomiti, tra le vette del Latemar e del Catinaccio. Tra il 18 settembre e il 4 ottobre 2020, propone le Settimane Culinarie “Natura e Bosco” che unisce le escursioni ai sapori che offre la natura. Una serie di piatti a base di ingredienti freschi tipici della stagione e raccolti nei boschi rappresenta infatti solo la prima parte di un’esperienza immersiva nella dimensione altoatesina di una delle valli più soleggiate dell’Alto Adige, dove le foreste sono un mondo da scoprire a pancia piena.

Il pacchetto immaginato per non perdersi nemmeno un istante di questo incontro ravvicinato con la Val D’Ega e i suoi tesori include 7 notti a partire dal prezzo di 410 euro a persona con prima colazione in hotel 3*** e consente di partecipare a iniziative esclusive e uniche come Bagno nel bosco: I tesori segreti della foresta – per vivere la natura con la testa, il cuore e la mano – Osservazione mattutina o serale della selvaggina presso la baita Mitterleger, con colazione o merenda sulle sponde del lago di Carezza, Segheria ieri e oggi – Il legno di risonanza del Latemar, con escursione guidata alla segheria “Latemar” e alla vecchia segheria “veneziana” di Nova Levante e, per finire, Bosco & acqua, un’energia sostenibile per la natura e gli esseri umani, con visita alla centrale idroelettrica e all’impianto di teleriscaldamento.

In Alto Adige l’autunno si chiama “late summer”

Excelsior Dolomites Life Resort - Infinity pool

Tra le Dolomiti del Plan de Corones, i boschi del parco naturale di Fanes-Senes-Braies, attorno a San Vigilio di Marebbe (BZ), sul far dell’autunno diventano ambrati. Qui, in Val Badia, si può partire per indimenticabili escursioni in mezzo alla natura per assistere allo spettacolo delle montagne infiammate di giallo, arancione e rosso.

Destinazione ideale per gli amanti della natura, l’Excelsior Dolomites Life Resort che propone splendidi tour guidati a piedi e in mountain bike. Dal 5 settembre al 18 ottobre 2020, l’offerta “Late Summer” comprende 7 pernottamenti sul materasso desiderato, meravigliose giornate con la pensione gourmet ¾ PLUS con prelibatezze servite al tavolo e fatte con prodotti regionali e italiani controllati, Wellness & Spa PLUS su 2.500 m² con Sky Spa esclusivamente per adulti e area separata per famiglie, programma Fit & Fun Outdoor & Indoor PLUS con nuova avventura di arrampicata sulla parete esterna del resort con percorso di arrampicata e via ferrata, programma Dolomites Life Hiking PLUS con escursioni guidate in piccoli gruppi insieme alla famiglia Call e alle guide Paolo e Otto 7 giorni a settimana, programma Dolomites Life Bike PLUS con tour guidati in mountain bike e noleggio di nuove mountain bike e E-bike (tour con la Bike School San Vigilio a pagamento), partenza a piedi direttamente davanti al resort e pranzo al sacco da gustare nella natura, cancellazione o riprogrammazione gratuita di tutte le prenotazioni fino a 5 giorni prima dell’arrivo.

L’autunno si tinge d’oro in Alto Adige col Törggelen

Un albergo di lusso nel cuore di Fiè allo Sciliar (BZ), tra le Dolomiti dell’Alpe di Siusi, che in autunno danno sfoggio di tonalità dorate e aranciate. Il Romantik Hotel Turm, che vanta 2mila opere d’arte (tra cui spiccano Picasso, Kokoschka, Dix), dal 20 settembre all’8 novembre 2020 propone il “Törggelen nell’autunno dorato in Alto Adige”, che porta a scoprire questa antica usanza gastronomica in un maso storico con rilassanti camminate nella natura. L’offerta comprende 4 pernottamenti, 1 giorno con trattamento di mezza pensione con il menu “Romantik” di 4 portate oppure il menu “1001 calorie”, una sera passeggiata fino al caratteristico maso Front ad Aica di Fiè, dove gustare il tradizionale menu del “Törggelen”, con “Schlutzer” (mezzelune), Krapfen (dolce tipico) e castagne… ritorno all’albergo in taxi.

Si può scegliere se trascorrere un’altra serata a cena in un maso tipico per il Törggelen oppure al Romantik Hotel Turm con il menu “Romantik” di 4 portate o il menu di “1001 calorie”, un bagno di cirmolo e menta nella tinozza di legno, un rilassante peeling al miele e sale sulla pietra calda e, come serata romantica finale: menu di degustazione di 5 portate con vini abbinati ad hoc.

Leggi anche:
Camere con vista sulle vigne, weekend per wine lovers

Un viaggio cromatico in Valle Aurina

Alpenpalace Luxury Hideaway & Spa Retreat (1)

Maestose cime di tremila metri racchiudono l’area in cui sorge l’Alpenpalace Luxury Hideaway & Spa Retreat in Valle Aurina (BZ). Per gli escursionisti questo è un autentico paradiso in terra, con un’offerta di tour a piedi e in bicicletta adatti ad ogni esigenza e ad ogni livello di preparazione.

In autunno, la bellezza del luogo offre una straordinaria gamma cromatica dei boschi, che tinteggiano il panorama. Un tuffo in una dimensione agreste tipicamente altoatesina che in autunno si arricchisce di speciali occasioni che rinsaldano la connessione tra uomo e territorio: ad esempio, alla sera, un paio di volte alla settimana, si accende un fuoco sulla terrazza dell’hotel e vengono serviti vino novello e castagne. E inoltre, cosa c’è di meglio se non il rito della sauna dopo una bella escursione tra i boschi? In autunno vengono riattivate anche le gettate di vapore.

I segreti delle foreste sull’Altopiano del Renon

Hotel Weihrerhof - Foliage - Credit Associazione Turistica del Renon (2)

L’autunno è la stagione ideale per scoprire il “Lärchen brennen”: le foreste di larici, aceri, castagni, faggi e betulle che ricoprono l’Altopiano del Renon, nel cuore dell’Alto Adige, cambiano il colore naturale delle foglie e iniziano a “bruciare” delle tonalità dei rossi e dei gialli intensi.

Gli appassionati delle passeggiate nei boschi e i curiosi del foliage non possono che rimanere incantati dalla meraviglia cromatica che s’incontra qui, e che pervade di emozioni chi sceglie di soggiornare al delizioso Hotel Weihrerhof, un albergo a conduzione familiare sopra Bolzano, sulle sponde del Lago di Costalovara. Immagini e nuance da immortalare, accompagnate anche dai racconti di chi vive abitualmente questi luoghi ricchi di storie e di leggende tradizionali. Un profondo senso di libertà, unito al fascino del lago e al tesoro paesaggistico del Renon, universo di sorprese da vivere giorno dopo giorno, con il suo stupefacente panorama e gli innumerevoli percorsi naturali. La regola aurea è solo una: mai percorrere due volte lo stesso sentiero. E la varietà non manca perché qui si trova la strada giusta per ogni piede, dal camminatore più esperto, al dilettante.

Back
SHARE

Estate di San Martino, 7 idee per i tuoi viaggi autunnali