mail@simonepazzano.com

A Casarsa della Delizia sulle tracce di Pasolini

A Casarsa della Delizia sulle tracce di Pasolini

Un piccolo centro abitato del Friuli, tre piccole tappe per un grande intellettuale. Programma un breve tour a Casarsa della Delizia per scoprire di più sulla vita e le opere di Pier Paolo Pasolini.

pasolini

Prima tappa: la chiesa di Sant’Antonio Abate.

Quante cose si possono fare con una cipolla? Tante, ma chi mai si sognerebbe di usarla per fare riaffiorare degli affreschi? Solo un genio come Pier Paolo Pasolini che è riuscito a riportare alla luce alcuni affreschi trecenteschi di scuola giottesca nella chiesa di Sant’Antonio Abate. Ti consiglio di andare a vederli, perché l’emozione è doppia: sia per la bellezza degli affreschi che per il suggestivo modo in cui sono stati ritrovati.

pasolini

Seconda tappa: la tomba di PPP.

Incamminati poi verso il cimitero che ospita le sue spoglie. Non aspettarti nulla di eclatante, la tomba di Pasolini è come quella di tutti gli altri. E forse il bello è proprio questo. Ma c’è un piccolo particolare che ti permette di distinguerla anche da lontano: per terra, tra la ghiaia, una sottile lastra di pietra la indica. Qui è sepolta tutta la famiglia e la tomba di Pasolini è proprio accanto a quella della tanto amata madre, Susanna.
pasolini

Terza tappa: la casa materna.

Non ripartire quindi da Casarsa senza aver visitato la casa materna del grande intellettuale, che ora è diventata il Centro Studi Pier Paolo Pasolini. Qui, in Casa Colussi, Pasolini ha vissuto gli anni friulani della sua formazione giovanile. Oltre a scoprire le stanze in cui ha vissuto, potrai vedere una pregevole raccolta di suoi manoscritti, disegni e dipinti. E tante fotografie ovviamente… (centrostudipierpaolopasolinicasarsa.it)

E tu? Conoscevi già Casarsa?

Back
SHARE

A Casarsa della Delizia sulle tracce di Pasolini